Repressione in Turchia

L’ultimo rapporto sulla libertà di stampa colloca la Turchia al 149.mo posto su 180 Paesi. Ma la situazione peggiora di giorno in giorno, soprattutto in vista delle elezioni di domenica prossima. Il premier Erdogan sta intensificando la repressione contro qualsiasi espressione di dissenso. L’ultimo scellerato attacco contro le opposizioni è arrivato ieri con l’assalto della polizia a due emittenti televisive molto popolari: Bugun tv e Kanalturk della holding che fa capo all’imam Fethullah Gulen in prima linea contro il governo. Gli agenti hanno fatto irruzione nelle redazioni per notificare il provvedimento del tribunale di Ankara che ne affida la gestione a un’amministrazione controllata. L’ennesimo tentativo di chiudere la bocca a voci libere che tentavano una risposta alle trasmissioni a senso unico della tv di Stato Trt che non ha neppure concesso le briciole al partito filocurdo Hdp che sarà l’ago della bilancia alle prossime votazioni. La stessa Bugun tv, accusata di essere una rete sovversiva, ha mandato in diretta le immagini dell’irruzione e i tafferugli con i poliziotti che hanno anche usato idranti per disperdere la folla che cercava di difendere la sede dell’emittente.

Si tratta tuttavia soltanto dell’ultimo episodio di una repressione selvaggia. La settimana scorsa – come denuncia il quotidiano Hurriyet – una donna, Dilek Dogan, è stata uccisa dalla polizia dopo un messaggio su Twitter. Negli stessi giorni lo scrittore Edip Yuksel è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere per un post su Facebook. E la stessa ambasciata americana si è detta preoccupata di questa totale mancanza libertà di espressione.

Criteri

Da “Sette” – Aldo Cazzullo.

unnamed (1) 1175115_10152269492425238_1880243935_n

A Sessa Aurunca, con i liceali

1530561_734733333203374_1284420240_n (1)

Un giorno di grande festa, al liceo Majorana di Sessa Aurunca (Caserta). Un’accoglienza incredibile, un interesse insospettabile: centinaia di ragazzi ad ascoltare un “gabbiano di frontiera”, migliaia di domande, merito di insegnanti capaci di trasmettere curiosità. E’ molto bello essere preda dell’entusiasmo dei giovani e soprattutto confortante scoprire una passione che ancora c’è. Sì, si può sperare: questa non è certamente una generazione del “copia-incolla”. Accolto quasi come un divo, tutta linfa vitale per un vecchio cronista, segno che ha avuto un senso passare la vita a racragazzicontare. 

DSCN3520